Valigie laterali: l’odissea finisce…vincono le Trax

trax_pannier_34

Questo pomeriggio è finita l’odissea delle valigie laterali in alluminio. È finita con la mia moto dentro il negozio Marmorata. Il preziosissimo Paolo, guardando il terminale Akrapovic, mi ha detto queste testuali parole:

Il kit Trax è compatibile. Mi ci gioco mia nonna.

Tutto sta nel capire se la nonna di Paolo è viva…scherzi a parte, essendo venuto a piovere, mi ha detto direttamente:

Metti la moto in negozio. Ti monto io tutto.

E con queste premesse il BMW GS 800 F è entrato nel negozio di Marmorata e Paolo ha iniziato a montare il tutto. Vi confermo che:

  1. Il telaio Trax è compatibile con il terminale Akrapovic
  2. L’installazione è compatibile con la piastra per il toccasse vario di BMW. Quindi, per farla semplice, avrete la vostra valigia in alluminio, senza dover rinunciare al topcase della marca tedesca.

Il prezzo? 475,00 euro compreso di:

  1. Telaio rimovibile SW Motech
  2. Borsa sinistra da 33 litri
  3. Serratura di bloccaggio al telaio e di serratura di bloccaggio della valigia.

Tempo di installazione un’ora e quaranta minuti comodi a chiacchierare con tutta la calma del mondo.

Compatibilità tra borse laterali e terminali di scarico

Da quado sono entrato in possesso della mia BMW F 800 GS, mi sono imbattuto in un problema annoso: può il terminale Akrapovic, installato dalla stessa BMW, essere considerato alla stregua di un terminale originale nella scelta delle valige laterali? Ovviamente no. I telai risultano incompatibili e i produtti spesso non garantiscono. Mi sono trovato quindi nella condizione di cercare di capire quali telai potessero risultare compatibili. Questo post ha lo scopo di raccontarvi la mia esperienza sperando che possa tornarvi utile.

Il principio: l’abito fa il monaco

la situazione iniziale è presto detta: la BMW fa uscire il GS con due marmitte, l’originale e l’Akrapovic. La seconda è esteticamente più bella e fa guadagnare 0,7cv al motore (praticamente nulla). Non è quindi necessario rimappare la centralina o intervenire da qualche altra parte. Si svita il bullone di sostegno, si sganciano le molle, si estrae una marmitta e si infila l’altra. Niente di più semplice…niente di più problematico.

L’Akrapovic non è considerata originale dai produttori di accessori e quindi non viene testata. Non importa che sia BMW a farla uscire con questa marmitta, non importa che moltissime BMW le montino, i produttori (in parte giustamente) non la prendono in considerazione. Ogni accessorio viene provato con gli accessori originali, il resto è un terno a lotto ma come avvengono queste prove? Nel corso delle mie piccole indagini ho parlato con molti produttori (alcune esperienze le trovate nel blog) tra cui GIVI, MyTech, etc… la risposta è sempre stata la stessa.

Testiamo i nostri prodotti sulle configurazioni originali, grazie soprattutto alla collaborazione con alcuni rivenditori BMW che ci consentono di provare le installazioni su moto esposte. Non c’è la possibilità di provarli con marmitte o accessori diversi, significherebbe spendere un capitale per cercare di provare tutte le configurazioni.

Direi che la posizione di tutti i produttori è la stessa e che sono tutti allineati nel garantire la compatibililità piena con l’assetto originario ma allora cosa accade e come comportarci quando un accessorio come uno scarico è diverso?

Facciamo una foto ricordo?

Ebbene sì, ad un certo punto ho scattato foto, preso misure e contattato i produttori. Tutti erano curiosi di determinare se e come il loro prodotto potesse essere considerato compatibile con l’Akrapovic. Per loro rappresentava un maggiore flusso di vendita, per me la risposta ad un problema. Dalle foto è emersa una cosa piuttosto banale: i telai, lato marmitta, hanno generalmente due tipi di “attacco” sul codone. Il primo è più basso ed entra nell’area dell’indicatore di direzione. Il secondo tipo è molto più ampio. Dobbiamo considerare che i terminali aftermarket, generalmente, sono più stretti dell’originale BMW ma l’Akrapovic si rivela leggermente più alto e quindi ingombrante. Quei due o tre centimetri potrebbero corrompere il vostro acquisto. Prendiamo come esempio le immagini riportate di seguito: sopra c’è il telaio GIVI, e sotto il telaio Trax EVO

telaio GIVI

telaio TRAX

Potete notare facilmente le differenze. Nel telaio di sinistra (GIVI) l’archetto di sostegno superiore passa sotto l’indicatore di direzione. Infatti la stessa GIVI mi disse che l’altezza del terminale Akrapovic poteva rappresentare un rischio di compatibilità nel montaggio. A questo proposito vi riporto anche una foto del terminale Akrapovic visto da dietro.

fotoGS

Il telaio delle valige Trax passa sopra l’indicatore di direzione che, come mostrato dalle foto, non è superato invece dal terminale Akrapovic. Ne consegue che la compatibilità sarà molto elevata.

Il consigli di chi produce

Sostanzialmente, oltre a quanto riportato sopra, che motiva come mai le prove non vengano fatte con accessori diversi, i produttori raccomandano agli utenti di prendere contatto con alcuni negozianti di fiducia ed effettuare le prove di compatibilità “vestendo” il telaio senza necessariamente montarlo. Appoggiare il telaio è spesso risolutivo ma non nei casi in cui calza al millimetro. Stringere i bulloni può comportare un irrigidimento della struttura a carico della marmitta. Inoltre è sconsigliato fare come mi ha raccomandato un produttore: “può sempre modificare il telaio da se con l’aiuto di un fabbro”.  Bene, immaginate di essere a 130 Km/h e la staffa che avete montato cede facendo cadere la valigia in alluminio che rotola e rimbalza fino ad entrare nel parabrezza dell’auto dietro di voi. Ok, una scena d’azione niente male ma…voi rischiereste?

Il mio consiglio

Posso solo darvi tre tipi di consigli:

  1. Non abbiate fretta. Scattate foto, osservate dettagli e valutate ogni aspetto.
  2. Contattate direttamente i produttori: sono tutti molto disponibili.
  3. Fate la prova presso un negoziante ma, soprattutto, consultate internet. Benchè le risorse che mettano in risalto le eventuali incompatibilità sono al momento quasi inesistenti, esistono molti forum con fotografie che potrebbero dimostrarvi che ciò che vorreste è possibile.

Notate che molti terminali aftermarket sono, oltre che più stretti, anche sensibilmente più corti e quindi non ci sarebbe alcuna difficoltà nell’installarli. Io alla fine ho notato che le TRAX EVO, che sono rinomate per la qualità ma anche per l’ingombro (i telai sporgono) sono montati dalla casa produttrice e documentati con l’Akrapovic. La foto mostra l’assetto a telaio montato con Akrapovic fatto dal sito Bikerfactory.

telaio TRAX-bikerfactory

 

Comprerò queste valige? Chissà…questo è un altro paio di maniche.